Triatlhon: “Approccio multidisciplinare in equipe con trattamenti massoterapici e valutazioni metaboliche dell’atleta, dalla preparazione alla gara. Prima parte

Triatlhon: “Approccio multidisciplinare in equipe con trattamenti massoterapici e valutazioni metaboliche dell’atleta, dalla preparazione alla gara. Prima parte

24 aprile 2020

Le gare di Triathlon consistono nel percorrere continuativamente una frazione a nuoto, una in bicicletta ed una frazione a piedi utilizzando un’apposita area di transizione per tutte le azioni necessarie al cambio fra le diverse discipline.

Esistono diversi tipi di gare che si differenziano per le distanze da percorrere (vedi appendice 2).

Il costo energetico è così suddiviso:
17-20% nuoto 53-55% ciclismo 27-28% corsa.

Questa suddivisione risulta corretta per quanto riguarda le gare dove non è possibile sfruttare la scia (generalmente l’Ironman).

Quando invece la scia è consentita la percentuale diminuisce e permette di effettuare la frazione podistica con maggior energia.

Essendo una disciplina sportiva che richiede azioni motorie con modelli prestativi differenti, risulta necessario preparare gli atleti tenendo ben presente questo concetto.

Ogni disciplina deve essere preparata cercando di migliorare l’esecuzione tecnica (fattori coordinativi -condizionali) senza dimenticare i fattori ambientali esterni ed interni.

Esterni in grado di condizionare un risultato o di una prestazione e solo in parte controllabili come ad esempio le condizioni atmosferiche, le caratteristiche del percorso, il ritmo sonno veglia regolare, ecc…

Interni sono rappresentati da tutte le componenti psicologiche di una prestazione.

Periodo di preparazione fisica da gennaio 2015 a luglio 2015. Suddiviso in 2 grossi mesocicli, il primo dei quali iniziato a gennaio terminato ad aprile ed il secondo da maggio a giugno.

Obiettivo del macrociclo: la prestazione gara

Sono state utilizzate unità allenanti differenti in relazione alle diverse caratteristiche delle attività ma con l’obiettivo comune di sviluppare un lavoro di quantità e tecnico nel primo mesociclo per poi lavorare sulle variazioni di intensità del secondo mesociclo.

La parte podistica, nella prima parte, ha previsto sedute di tecnica miranti al miglioramento del gesto tecnico della corsa passando per lo sviluppo delle andature specifiche, del controllo degli appoggi e dei tempi di contatto dei piedi a terra.

A seguire sono state eseguite sedute di corsa su distanze crescenti per migliorare la condizione generale con l’intento di rendere il più automatico possibile il gesto migliorando di conseguenza il costo energetico.

I tempi tenuti nelle varie esecuzioni sono stati tratti dalle tabelle evinte dal test dei 7′.

Il lavoro è stato così suddiviso:

  Costruzione 12 settimane → resistenza aerobica

  Potenziamento 5 settimane → forza muscolare specifica

  Specifico 5 settimane → potenza aerobica e resistenza alla potenza aerobica

  Agonistico 5 settimana → ripetute brevi gare

Prima parte sviluppata con la ricerca della frequenza di pedalata “facile “alla ricerca del ritmo (aspetto capillarizzante). Nella seconda parte, lavoro sulla forza, è stata aumentata la resistenza di pedalata sfruttando un percorso caratterizzato da un tratto in leggera pendenza di 300m ripetuto per un totale di 15 volte (km tot 20 in 42’30” in media). Nella terza parte sono state organizzate uscite con altri atleti per avvicinarsi al ritmo gara e il miglioramento della tecnica di percorrenza in gruppo. I percorsi sono stati scelti in maniera crescente anche con tratti in salita comunque non particolarmente duri a causa della preparazione relativa.

La parte di nuoto è stata sviluppata seguendo le stesse indicazioni derivanti però dal test del differenziale sviluppato in precedenza. Gli allenamenti natatori sono stati numericamente inferiori; il tentativo è stato comunque quello di rispettare le indicazioni generali sviluppate.

Condividi

Translate »